Site menu:

offerte soggiorno villa san filippo chianti

Offerta speciale

fino al 21 settembre

Vai »


Promo prenota prima

15/5-22/7 e 1/9-28/12

Vai »


Auguri di buon compleanno

dall'1/3 al 28/12/12

Vai »


Cultura, tradizione e paesaggi, cucina

dall'1/5 al 28/12/12

Vai »


Speciale Meeting

Vai »



BROCHUREInformazioni
e foto

(500kb)


tornasconti      torna qui sconti

Se sei titolare di una carta abilitata al circuito Tornasconti potrai avere uno sconto del 10% sulla tua prenotazione.

Per info clicca qui

*sconto non cumulabile con offerte o promozioni periodiche.

prenotazione online
Data di arrivo* (gg/mm/yy)

Notti*:
Adulti:
Bambini:
Camere*:

E-mail*
Recapito Telefonico*
Richieste particolari
TORNASCONTI

PRIVACY





Prenota ora Fornito da Booking.com




VIDEO

villa san filippo video


DINTORNI

chianti barberino val d'elsa


ATTIVITA'

San Giminiano

San Gimignano si erge con il profilo delle sue torri, su di un colle (m.334) a dominio della Val d’Elsa. Sede di un piccolo villaggio etrusco del periodo ellenistico (III-II sec. a.C.) iniziò la sua storia intorno al X secolo prendendo il nome del Santo Vescovo di Modena: San Gimignano, che avrebbe salvato il borgo dalle orde barbariche. Ebbe grande sviluppo durante il Medioevo grazie alla via Francigena che lo attraversava. Tant’è che San Gimignano ebbe una straordinaria fioritura di opere d’arte che adornarono chiese e conventi. Nel 1199 divenne libero comune, combatté contro i Vescovi di Volterra ed i comuni limitrofi, patì lotte intestine dividendosi in due fazioni al seguito degli Ardinghelli (guelfi) e dei Salvucci (ghibellini). L’otto maggio 1300 ospitò Dante Alighieri, ambasciatore della lega guelfa in Toscana. La terribile peste del 1348 ed il successivo spopolamento gettarono San Gimignano in una grave crisi. La cittadina dovette perciò sottomettersi a Firenze. Dal degrado e abbandono dei secoli successivi si uscì soltanto quando si cominciò a riscoprire la bellezza della città, la sua importanza culturale e l’originaria identità agricola.

Il Duomo o Chiesa Collegiata: consacrata nel 1148, strutturata su tre navate è arricchita da pregevoli affereschi di scuola senese: Vecchio e Nuovo Testamento (Bartolo di Fredi e "Bottega dei Memmi"); Giudizio Universale (Taddeo di Bartolo), opere di scuola fiorentina: Storie di Santa Fina (Ghirlandaio), San Sebastiano (Benozzo Gozzoli), Statue Lignee (Jacopo della Quercia) e sculture di Giuliano e Benedetto da Maiano. Tutto questo fà della Collegiata di San Gimignano un museo di grande prestigio.

san gimignanoPalazzo Comunale: Cortile e Sala di Dante con la Maestà di Lippo Memmi. Museo Civico e Pinacoteca con opere di Filippino Lippi, Pinturicchio,Benozzo Gozzoli, Domenico di Michelino, Pier Francesco Fiorentino, Sebastiano Mainardi, Lorenzo di Niccolò di Martino, Coppo di Marcovaldo ecc... Inoltre dal museo civico si può visitare la Torre Grossa o del Podestà costruita nel 1311 ed alta 54 metri.

Museo d’arte Sacra: Tele, tavole e frammenti lapidei provenienti da chiese e conventi soppressi. Argenterie, corali e vesti liturgiche.

Museo Archeologico: reperti archeologici etruschi, romani e medioevali provenienti da scavi e ritrovamenti nel territorio comunale.

Spezieria di Santa Fina: materiale proveniente dalla Spezieria dello Spedale di Santa Fina, che riproduce l’antica farmacia, con i contenitori di ceramica e vetro ed i medicamenti.

Galleria di Arte Moderna e Contemporanea: “R. De Grada” importante spazio espositivo della città.

Chiesa di Sant’Agostino: Storie di Sant’Agostino (Benozzo Gozzoli) resti di affreschi trecenteschi, tavole e tele di autori diversi (Benozzo Gozzoli, Piero del Pollaiolo, Pier Francesco Fiorentino, Vincenzo Tamagni, Sebastiano Mainardi). Cappella di Santo Bartolo (Benedetto da Maiano).

Chiese minori: Santo Bartolo, S. Jacopo, San Piero, San Francesco (resti), S.Lorenzo in Ponte. E ancora: Museo Ornitologico; Fonti Medioevali; Rocca di Montestaffoli.

san gimignano torri